Ambra per bambini: un tipico caso di disinformazione?

Tutti i bambini piccoli hanno problemi con i denti, in maniera particolare quando essi stanno per nascere, dato che fanno male e possono dare molto fastidio, e tante mamme si rivolgono alle collanine d’ambra affermando che funzionano. Noi personalmente continuiamo a rabbrividire quando vediamo dei bambini piccoli indossare qualcosa intorno al collo. Il rischio è giustificato?

Alcune delle motivazioni per cui si fanno indossare le collane d’ambra ai più piccoli vanno dal magico (permettono al corpo di guarire, irradiano energia lenitiva e assorbono quella negativa, calmano i nervi) al “ridicolo” (le perle lavorano sulla teoria del magnetismo lieve, che riesce a ridurre il dolore lieve, come quello che accompagna la dentizione).

Nonostante tutta questa disinformazione, c’è da dire che molti fautori di queste collane suggeriscono un meccanismo plausibile e sostengono che l’ambra contiene una sostanza analgesica chiamata “acido succinico, che viene rilasciata dalle perline in risposta al calore del corpo del bambino e assorbita dunque attraverso la pelle.

Inizialmente sospettavamo che la promozione di queste collane si basasse fortemente sulle sciocchezze legate alle proprietà magiche dei cristalli. In realtà, la maggior parte delle fonti internazionali basano le loro affermazioni proprio sul meccanismo dell’acido succinico.

Andando alla ricerca di prove, abbiamo scoperto che effettivamente l’ambra baltica (il tipo di solito raccomandato per la dentizione) contiene acido succinico. Non ci sono però prove del fatto che essa lo rilasci alle temperature corporee, in considerazione del fatto che tale acido si scioglie a 187° C , ma è moderatamente solubile in acqua. Quindi se effettivamente fuoriesce dall’ambra, non potrebbe essere in forma liquida. La temperatura corporea (circa 37 ° C) sarebbe insufficiente per scioglierlo.

Ci sono inoltre alcune indicazioni che tale acido venga usato esternamente per trattare il dolore, ma non ci sono studi.

Mettendo tutto insieme, anche nel caso in cui l’acido succinico venga rilasciato dall’ambra, non vi è alcuna prova che sia assorbito dal corpo, né che abbia alcun effetto. E anche se lo facesse, quanto è ragionevole permettere ad una dose completamente non regolata di una certa sostanza chimica di fluire nel corpo di un bambino per un lungo periodo?

Se non bastasse, sembra che le collane si rompono facilmente.

In conclusione, la completa mancanza di buone prove che le collane di ambra possano alleviare il dolore legato alla dentizione significa che non c’è assolutamente alcun beneficio che possa compensare il rischio di indossarle.