Lo stato dei finanziamenti in Italia

Sono numeri interessanti quelli che si delineano dal panorama dei prestiti e dei finanziamenti in Italia. Secondo uno studio condotto da Facile.it con i dati forniti dall’Osservatorio sul Credito al Dettaglio di Assofin, Crif e Prometeia, infatti, nei primi 9 mesi dello scorso anno c’è stata una crescita dei finanziamenti pari al 9,4%, in maniera particolare di prestiti personali, che sono saliti del 14,6%, anche grazie ad una maggiore fiducia tra i consumatori e a dei tassi di interesse più bassi della media dei mesi passati.

Quali sono i prestiti più diffusi?

Secondo lo studio, la maggior parte degli italiani chiede un finanziamento per acquistare un’auto, sia nuova che di seconda mano. In maniera più precisa, questa percentuale vede una leggera maggioranza in coloro che cercano un’auto usata (18%) piuttosto che l’acquisto di una vettura nuova (16%).

Effettivamente, i vantaggi di acquistare un’auto usata ci sono, e il primo è sicuramente il costo più basso. Acquistare una vettura nuova è, a detta di molti, la peggior spesa che si possa fare perché un’auto perde di valore in pochissimo tempo, e quindi un buon usato, o un’auto a km zero, sono la scelta potenzialmente ottimale.

C’è da dire che le banche e le finanziarie offrono tante opportunità in termini di prestiti per auto, permettendo anche di scegliere delle forme di finanziamento particolari come i prestiti senza busta paga finalizzati all’acquisto di un’auto.

Andando a scendere la classifica delle finalità del finanziamento, al secondo posto troviamo i lprestiti per acquistare oggetti di elettrodomestici e di elettronica, con una richiesta pari al 16%.

Al terzo posto troviamo i finanziamenti per ristrutturazioni e per l’efficientamento energetico (richieste del 15% degli italiani); proprio queste spese sono in crescita anche grazie a vantaggi economici e finanziari che sono garantiti dallo stato italiano, come le deduzioni e le detrazioni per chi ammoderna e rende più efficiente la propria dimora.

Al quarto porto ci sono i prestiti per le spese mediche e dentistiche, richieste dal 12% degli italiani.

Un dato che ci fa riflettere riguarda il numero di richieste per consolidamento debiti, come ci viene suggerito dalle agenzie di prestiti online come Italprestonline: ben l’8% dei nostri connazionali fa debito per chiudere altri finanziamenti e avere, di conseguenza, una rata minore cui far fronte.